Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
How to repair a phone fell in the water

How to repair a phone fell in the water

You are at the beach or pool and your smartphone fell into the water? Not dramatized, we see how...

I 4 punti chiave per il curriculum perfetto

I 4 punti chiave per il curriculum perfetto

Il lavoro è uno dei grandi temi del nostro tempo: il nostro paese è diviso tra quelli che ne...

Stonex One, vendite subito sold out e riapertura rimandata a data da destinarsi

Stonex One, vendite subito sold out e riapertura rimandata a data da destinarsi

Oggi alle 12.00 si sono aperte le vendite dello Stonex One, lo smartphone che Facchinetti &...

Come far funzionare un telefono caduto in acqua

Come far funzionare un telefono caduto in acqua

Siete a mare o in piscina e vi è caduto il smartphone in acqua? Non drammatizzate, vediamo come...

Marshall London, uno smartphone a tutto Rock

Marshall London, uno smartphone a tutto Rock

Siamo in uno di quei momenti, nella storia della tecnologia, dove quasi quotidianamente viene...

  • How to repair a phone fell in the water

    How to repair a phone fell in the water

  • I 4 punti chiave per il curriculum perfetto

    I 4 punti chiave per il curriculum perfetto

  • Stonex One, vendite subito sold out e riapertura rimandata a data da destinarsi

    Stonex One, vendite subito sold out e riapertura rimandata a data da destinarsi

  • Come far funzionare un telefono caduto in acqua

    Come far funzionare un telefono caduto in acqua

  • Marshall London, uno smartphone a tutto Rock

    Marshall London, uno smartphone a tutto Rock

DNS Changer, il malware che bloccherà la rete

DNS Changer, il malware che bloccherà la reteIl 9 luglio sarà il blackout-day per oltre 330 mila utenti infettati dal malware DNS Changer, che da lunedì non riusciranno più a navigare sul internet.

Questo virus è stato realizzato da un gruppo di hacker estoni, arrestati nel novembre scorso.

Al momento dell'arresto, i computer infetti erano più di 5 milioni (sia Windows che Mac OS).

Questo malware sostituisce i server DNS, che i computer utilizzano per risolvere i nomi digitati dei siti trasformandoli in indirizzi IP, con server DNS che dirotteranno gli utenti verso altri siti diversi da quelli richiesti.

A causa dell'ampia infezione, le autorità avevano deciso di non chiudere i DNS malevoli, ma di trasformarli in DNS sicuri, che permettessero agli utenti infettati dal malware di navigare senza problemi.

Un problema però nasce ora, infatti proprio il 9 luglio questi server DNS verranno chiusi definitivamente, impedendo agli utenti affetti dal malware DNS Changer di accedere ad internet.

Come scoprire se il vostro computer è stato infettato da DNS Changer

Accedete al sito DNS Changer Check-Up, realizzato da Telecom Italia.

Se vi apparirà la scritta Risoluzione DNS Corretta non avrete nulla da temere, il vostro computer non è stato infettato, altrimenti il sito si colorerà di rosso avvertendovi che i server DNS del vostro computer non sono corretti.

Come risolvere il problema dei DNS sbagliati

Per prima cosa è necessario rimuovere DNS Changer dal vosto computer, potete farlo utilizzando dei software apposti, gratuiti, disponibili sia per Windows che per Mac OS.

A questo punto potrete riprendere la navigazione in piena tranquillità

 

Un consiglio, se avete scoperto di essere stati infettati da questo malware, dopo averlo rimosso, vi consiglio di contattare il vostro provider internet per assicurarvi che i DNS di navigazione siano quelli corretti. In alternativa potete rieseguire l'accesso al sito DNS Changer Check-up che vi abbiamo lincato sopra.

 

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa