Facebook Twitter Google+ RSS YouTube
Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

Quando ci si registra su un sito uno dei problemi più comuni è quello di scegliere la password da...

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

L'allarme lo ha lanciato CheckPoint.com, il 2017 inizia con un nuovo e fastidioso malware per...

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

Lavabit.com, il noto provider per e-mail criptate salito alla ribalta nel 2013, a seguito dello...

PEC: Attenzione ai virus/malware contenuti negli allegati

PEC: Attenzione ai virus/malware contenuti negli allegati

Dopo alcune segnalazioni pervenuteci da nostri lettori scrivo questo post per evitare che altri...

La truffa delle vendite in Costa D'Avorio

La truffa delle vendite in Costa D'Avorio

La crescita inarrestabile di internet ha portato, inevitabilmente, anche al proliferare di truffe...

  • Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

    Il segreto di una password sicura? Contenuto in una frase

  • Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

    Allarme Malware per Android, nel 2017 arriva HummingWhale

  • Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

    Lavabit.com - Riapre il provider per e-mail criptate

  • PEC: Attenzione ai virus/malware contenuti negli allegati

    PEC: Attenzione ai virus/malware contenuti negli allegati

  • La truffa delle vendite in Costa D'Avorio

    La truffa delle vendite in Costa D'Avorio

DNS Changer, il malware che bloccherà la rete

DNS Changer, il malware che bloccherà la reteIl 9 luglio sarà il blackout-day per oltre 330 mila utenti infettati dal malware DNS Changer, che da lunedì non riusciranno più a navigare sul internet.

Questo virus è stato realizzato da un gruppo di hacker estoni, arrestati nel novembre scorso.

Al momento dell'arresto, i computer infetti erano più di 5 milioni (sia Windows che Mac OS).

Questo malware sostituisce i server DNS, che i computer utilizzano per risolvere i nomi digitati dei siti trasformandoli in indirizzi IP, con server DNS che dirotteranno gli utenti verso altri siti diversi da quelli richiesti.

A causa dell'ampia infezione, le autorità avevano deciso di non chiudere i DNS malevoli, ma di trasformarli in DNS sicuri, che permettessero agli utenti infettati dal malware di navigare senza problemi.

Un problema però nasce ora, infatti proprio il 9 luglio questi server DNS verranno chiusi definitivamente, impedendo agli utenti affetti dal malware DNS Changer di accedere ad internet.

Come scoprire se il vostro computer è stato infettato da DNS Changer

Accedete al sito DNS Changer Check-Up, realizzato da Telecom Italia.

Se vi apparirà la scritta Risoluzione DNS Corretta non avrete nulla da temere, il vostro computer non è stato infettato, altrimenti il sito si colorerà di rosso avvertendovi che i server DNS del vostro computer non sono corretti.

Come risolvere il problema dei DNS sbagliati

Per prima cosa è necessario rimuovere DNS Changer dal vosto computer, potete farlo utilizzando dei software apposti, gratuiti, disponibili sia per Windows che per Mac OS.

A questo punto potrete riprendere la navigazione in piena tranquillità

 

Un consiglio, se avete scoperto di essere stati infettati da questo malware, dopo averlo rimosso, vi consiglio di contattare il vostro provider internet per assicurarvi che i DNS di navigazione siano quelli corretti. In alternativa potete rieseguire l'accesso al sito DNS Changer Check-up che vi abbiamo lincato sopra.

 

Redazione MrInforamtica.eu
Author: Redazione MrInforamtica.eu
La Redazione di MrInformatica.eu è composta da tre blogger, ai quali si aggiungono amici provenienti dalle più svariate esperienze. Tutti uniti dall'amore per l'informatica, il web e gli smartphone

Raspberry Pi

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa